Antiriciclaggio

AVVISO ALLA CLIENTELA

 Si informa la Spettabile Clientela che l'articolo 3 comma 6 septies della Legge n.15 del 25 febbraio 2022, di conversione con modificazioni del decreto-legge 30 dicembre 2021 n. 228, ha modificato i limiti di trasferimento di denaro contante sanciti dall’articolo 49 del Decreto Legislativo 231 del 21 novembre 2007.

In particolare, il valore soglia di divieto di trasferimento di denaro contante effettuato a qualsiasi titolo tra soggetti diversi torna alla soglia di 2.000 Euro fino al 31 dicembre 2022, per ridursi nuovamente a 1.000 Euro a decorrere dal 1° gennaio 2023. A partire dal 1° marzo il trasferimento massimo consentito in contanti sarà quindi di 1.999,99 Euro.

Ciò premesso, si riepilogano le disposizioni normative in tema di limiti all’uso del contante e titoli al portatore, attualmente vigenti.

A decorrere dal 1° marzo 2022 è vietato il trasferimento di denaro contante e di titoli al portatore in euro o in valuta estera, effettuato a qualsiasi titolo tra soggetti diversi, siano esse persone fisiche o giuridiche, quando il valore oggetto di trasferimento, è complessivamente pari o superiore a 2.000 euro.

Il trasferimento superiore ai predetti limiti, quale che ne sia la causa o il titolo, è vietato anche quando è effettuato con più pagamenti, inferiori alla soglia, che appaiono artificiosamente frazionati; può tuttavia essere eseguito per il tramite della banca mediante disposizione accettata per iscritto, previa consegna della somma in contanti.

Resta fissata a 1.000,00 Euro la soglia a partire dalla quale gli assegni bancari e circolari devono recare l'indicazione del nome o della ragione sociale del beneficiario e la clausola di non trasferibilità.

Per qualsiasi chiarimento la filiale è a Sua disposizione.

La Direzione